Cosimo alias Fabio Elettroni, nasce nel 1968 a Torino e è tra gli artisti è tra valorizzati dal progetto Mai Visti e Altre Storie (www.maivisti.it) a cura di Arteco. Da oltre venti anni attraversa le strade della sua città urlando, imprecando, gesticolando e affidando a interlocutori immaginari le sue più profonde riflessioni sulla pittura e sul senso ultimo delle cose. La riconoscibilità delle sue opere è per lo più collegata a  intricati labirinti realizzati a penna su carta dai quali emergono occhi e bocche di visi severi e solenni che galleggiano sulla superficie del foglio. Ma oltre al disegno a biro, la pittura rappresenta da sempre per Cavallo il linguaggio espressivo con il quale indagare il colore nelle sue potenzialità più specificatamente compositive: nelle sue tele, così come nei cartoni o nelle carte da parati, volti di umanoidi alieni dialogano con la materia pittorica creando suggestive sovrapposizioni fra gli strati di colore. L’energia che pulsa dalle sue opere è la stessa che attraversa la sua acuta sensibilità di artista e essere umano capace di entrare in connessione con le vibrazioni più profonde della realtà, soprattutto di quella non visibile agli occhi.